• Mar. Giu 25th, 2024

EDOARDO RASPELLI AFFASCINATO DALLE CARATURE E DALLE PECULIARITA’ DEL TERRITORIO E DELLA SUA GENTE

ANCHE LA SCORSA SETTIMANA IL CRITICO ENOGASTRONOMICO HA DEDICATO SPAZIO IN UNA DELLE SUE RUBRICHE NAZIONALI ALLE CARATURE RIVIERASCHE E ALLE POTENZIALITA’ TURISTICHE DELL’AREADI ORIGINI FRIULANE, HA MOLTO APPREZZATO ANCHE ‘L’IDEA RIVIERASCA E IL LIBRO ‘ CHE NE E’ LA FONTE

E’ rimasto affascinato dalle peculiarità e dalle carature rivierasche il critico enogastronomico Edoardo Raspelli, al quale è andato il 3.Premio Giornalistico ‘Valerio Ghin’ Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, consegnatogli a Marano Lagunare. “Volevo conoscere un ristorante emergente – spiega Raspelli – e sono stato incuriosito dalla specialità maranese che è l’anguilla allo spiedo, il ‘bisato in speo’ come si dice nel posto, che non conoscevo”. Un piatto ricco di sapore e tradizione, ma forse povero, aggiunge, che veniva cotto vicino alle braci scoppiettanti sull’uscio delle case, ed espandeva il suo profumo tra le calli di quella piccola Venezia che è Marano, la città della pesca friulana. Raspelli si è così appassionato a quel territorio, che ha dedicato un’intera pagina della sua rubrica settimanale Il Bello e il Buono, sul quotidiano nazionale La Stampa, a un itinerario suggestivo. Che da San Giorgio di Nogaro (UD), o Latisana (UD), dove si trovano le due uscite dell’Autostrada A4 lungo la quale ha raggiunto Marano, passa per Carlino, sfiora il bosco planiziale di Muzzana del Turgnano (UD) e Palazzolo dello Stella (UD) dove, a Piancada, l’ERSA FVG alleva oltre 800 capi di razza bovina pregiata Pezzata rossa friulana. Corre accanto alle valli da pesca e ai vigneti lambiti dalle acque salmastre della splendida laguna, e si sofferma tra le strette vie, le calli di Marano. L’uscita del suo pezzo è stata concomitante con l’apertura del Salone del gusto di Torino. Assicurando così alla Riviera friulana, alle località comprese e a Marano, una grande notorietà. Che gli è valsa la consegna del Premio ‘Valerio Ghin’, indetto dall’Associazione regionale della Stampa Agricola, Agroalimentare, dell’Ambiente e Territorio del Friuli Venezia Giulia. Ha poi valorizzato nello stesso approfondito servizio realizzato con uno stile prosaico descrittivo e coinvolgente, l’attività dello chef maranese, Giorgio Dal Forno, del ristorante Ai tre canai. Colui che ha rilanciato il bisato in speo, ma anche l’uso di pesci dimenticati e delle alghe ed erbe adriatiche e di laguna come ricchezza rivierasca e dello scrigno dei sapori del Friuli Venezia Giulia. Che Raspelli, nel corso della cerimonia di consegna del Premio, a Marano, dov’è stato coadiuvato nella conduzione ‘a.due voci con il Presidente dell’ARGA FVG, Carlo Morandini, dalla bella attrice siberiana, Kseniya Zaynak, non ha esitato a definire ‘La Regione della Gola’. Una Regione golosa, tutta da gustare. Raspelli in occasione della cerimonia ha confidato di possedere origini anticamente friulane. “Si dice che la famiglia Raspelli – ha detto – sia originaria di Colloredo di Monte Albano, del castello di Colloredo Mels, e di ciò mio padre era molto orgoglioso”. “Mio nonno poi – ha proseguito – si chiamava anche lui Edoardo Raspelli, era Tenente dei Carabinieri Reali, ed era nato a Mortegliano”. Forse per questo, sentirsi davvero vicino alla sua antica terra d’origine, Raspelli giovedì scorso è ritornato a parlare nella sua rubrica della Riviera Friulana, del bisato in speo, di Valerio Ghin, sommelier e promotore enogastronomico maranese, alla memoria del quale è stato dedicato il premio che gli è stato conferito. Raccontando da viandante di una serata trascorsa, dopo avere degustato il Friulano “(per legge europea non possiamo più chiamarlo Tocai)” all’albergo tre stelle Da Jolanda. “Che per anni è stato teatro delle gesta enoiche di un giovane sommelier, Valerio Ghin”. In quella che Edoardo Raspelli ha definito “una delle capitali italiane della pesca”. E ha apprezzato pubblicamente l’idea di rilanciare la zona dell’entroterra del litorale friulano, comunemente conosciuta come Bassa Friulana ribattezzandola con l’appellativo più solare di ‘Riviera Friulana’. “Ci ho messo due anni – ha commentato Raspelli – dall’uscita del libro per venire sul posto a verificare queste realtà; e a comprendere che si tratta di una efficace guida del territorio”. “Un territorio – ha concluso – ricco di bellezze da esplorare”.

A.R.G.A. FVG via Dante, 80/2 33037 Pasian di Prato (Ud) Italy Tel.: 0039 335 370816

Sito: HYPERLINK “http://www.argafvg.it” www.argafvg.it Email: HYPERLINK “mailto:argafvg@email.it” argafvg@email.it Skype: charliesette

A.R.G.A. FVG

Associazione Regionale Giornalisti Agricoli, Agroalimentari, Enogastronomici, dell’Ambiente e Territorio del Friuli Venezia Giulia

aderente all’UNAGA

Unione Nazionale

delle ARGA

VISITA IL NOSTRO SITO:

Il contenuto di questa e-mail è rivolto unicamente alle persone alle quali è indirizzato, e può contenere informazioni la riservatezza delle quali è tutelata. Sono vietati la riproduzione e l’uso di questa e-mail in manzanza di autorizzazione del destinatario. Se avete ricevuto questa e-mail per errore vogliate cortesemente comunicarcelo. This e-,ail is intended only for the person or entity to which is addressed and may contain information that is privileged, confidential or otherwise protected from disclosure. Copyng, dissemination or use of this e-mail ort he information herein by anyone other than the intended recipient is prohibited. If you have received this e-mail by mistake, please notify us immediately.

HYPERLINK “http://www.argafvg.it” www.argafvg.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *