• Mer. Feb 28th, 2024

L’ASSESSORE AL TURISMO DI LIGNANO BRINI RILEVA IL CONSOLIDAMENTO DELLA RETE RIVIERASCA

Enoteca Tai & Rhum

L’APPREZZAMENTO ALLA CONSEGNA DELL’ATTESTATO DI ADESIONE ALL’IDEA DELLA RIVIERA ALL’ENOTECA TAI & RHUM DI SABBIADORO
“Sono molto contento di costatare che il numero di aderenti all’Associazione Culturale no profit La Riviera Friulana sta aumentando a vista d’occhio”.
L’ha affermato l’assessore al Turismo del Comune di Lignano Sabbiadoro, Massimo Brini, in occasione della consegna del diploma che testimonia la rispondenza agli ideali rivieraschi dell’Enoteca Tai & Rhum, della località balneare.
Come ha voluto rimarcare l’Assessore della più importante realtà turistica del Friuli Venezia Giulia – “Questo è il viatico adatto di un progetto che vede coinvolte, assieme agli ideatori e promotori, già diverse Amministrazioni, con l’obiettivo di fare del nostro un territorio d’eccellenza. E mira a portare all’attenzione del maggior numero di turisti, di potenziali utenti e di cittadini, i prodotti di pregio e le peculiarità dell’offerta della nostra area”.
Per l’Assessore Brini – “L’offerta turistica moderna non può non tenere conto dell’esigenza di poter contare su carature e specificità che possano attrarre gli utenti e distinguere non soltanto le singole località turistiche, ma anche i territori adiacenti, e non solo, di riferimento”.
Proprio nei giorni scorsi, l’Enoteca Tai & Rhum ha ospitato una degustazione esclusiva delle produzioni dell’Azienda Agricola Lunelli di Trento, nota in tutto il mondo per lo spumante Brut Ferrari, considerato al top delle produzioni di bollicine nel mondo. In grado, per qualità organolettiche, di sfidare lo Champagne.
Ma la degustazione ideata da Samira Dorbolò e Piero Boscolo, non si è limitata a questo. Ha voluto abbinare pietanze basate anche su produzioni locali e rivierasche, quindi stagionali e di prossimità, agli spumanti e ai vini fermi dell’Azienda trentina.
Ed è questa la filosofia che anima il locale gestito dalla coppia, affiatata e appassionata dell’enogastronomia, che pur non trascurando le potenzialità dell’agroalimentare e dell’enologia friulana, non manca di incuriosire i degustatori con prodotti particolari e selezionati di altre realtà nazionali ed estere.
E che riesce a mantenere indenne questo percorso anche nell’alta stagione, quando la fatica e l’avvicendarsi costante dei degustatori potrebbero indurre ad abbassare la guardia rispetto alla ricerca incessante di nuovi sapori. Dal che la consegna dell’attestato che certifica la rispondenza dell’attività ai requisiti individuati dall’Associazione Culturale no profit La Riviera Friulana.
Carlo Morandini

Enoteca Tai & Rhum