• Mar. Feb 27th, 2024

ECONOMIA: E’ IL SOLARIS ONE 60 LA STAR DELLA RASSEGNA VELA & VELA A MUGGIA (TS) DA OGGI A DOMENICA

ANTEPRIMA MONDIALE NAVIGANTE DELLA NUOVA ‘CHICCA’ DEL CANTIERE DI AQUILEIA

E’ il Solaris One 60, la nuova ‘chicca’ del cantiere Se.Ri.Gi. di Aquileia (UD), la star della seconda edizione della rassegna ‘Vela & Vela’. Che si inaugura stamane alle ore 10,30 a Porto San Rocco a Muggia (TS). E che rimarrà aperta fino a domenica (18/4). Questa manifestazione rappresenta il primo evento in Italia interamente e unicamente dedicato alle imbarcazioni a propulsione eolica. Eper la nuova prestigiosa barca friulana è proprio questa l’occasione prescelta per l’anteprima mondiale in acqua. Finora questo nuovo scafo, emblema del rinnovamento e dell’innovazione delCantiere presieduto da Rinaldo Puntin, che al momento è uno dei pochi cantieri del settore a crescere nonostante la crisi, è stato finora proposto agli addetti ai lavori, agli esperti, al pubblico soltanto al Salone nautico internazionale di Dusseldorf, il Boot, in Germania. Ma issato su un invaso e senza gli allestimenti e gli interni definitivi. Dopo alcune settimane necessarie appunto per l’allestimento e le prove in mare, il Solaris One 60 è ora navigante. E ha superato il primo, pur breve ma convincente collaudo della trasferta da Grado a Muggia, con vento sostenuto. A Grado era giunto dal Cantiere lungo il fiume Natissa. E sempre da Grado sono state eseguite le prime prove in mare. L’One 60 è la terza imbarcazione del nuovo corso del Cantiere Se.Ri.Gi.. Come il Solaris One 48, primo modello innovativo dell’azienda aquileiese, impostato tre anni fa e del quale sono già naviganti oltre venti esemplari, progettato dall’americano Bill Tripp è costruito in piccola serie, con un sistema modulare. Ciò consente di ridurre i costi, senza rinunciare all’affidabilità e alla cura che in trentacinque anni di attività hanno fatto amare sempre di più Se.Ri.Gi. tra gli appassionati. Tanto da catturare la fiducia di clienti importanti. Tra i quali il giornalista Piero Ottone, e la soubrette Loretta Goggi. E mentre l’One 60 è in mostra, e ne sono già stati venduti diversi esemplari semplicemente sulla base del progetto, Se.Ri.Gi. ha già avviato la realizzazione del Solaris One 44, desiner un noto progettista argentino. Del quale sono già stati commissionati alcuni esemplari. Mentre riscuote successo anche il prestigioso Solaris 72 HD. Il terzo simbolo dell’innovazione.

L’Ufficio Stampa

Logosmmv

IL SOLARIS ONE 60

LE CARATTERISTICHE

Progettato dal newyorkese Bill Tripp, è lungo 18,97 metri. Al galleggiamento 17,10 metri. Largo 5,11 metri. Disloca 24 tonnellate. La deriva, 7700 kg, porta a un pescaggio di 3,30 metri. Ma è disponibile nella versione ridotta, quindi meno performante, con un pescaggio di 2,80 metri. L’albero, dalla linea di galleggiamento, è alto 30,25 metri. Il genoa è disponibile nelle versioni da 108 e da 110 metri quadrati. La randa misura 125 metri quadrati. Il motore è da 200 hp. Il serbatoio dell’acqua dolce da 800 litri. Quello della nafta da 600 litri. La certificazione Rina è ‘Alto mare’ classe A. queste caratteristiche ne fanno un ‘cavallo di razza’ per la vela d’altura. E per le crociere prolungate. Affidabile, sicuro anche a motore. Ma anche capace di offrire elevate prestazioni per un divertimento assicurato nella navigazione a vela d’altura.

LO SCAFO

Adotta le più moderne soluzioni tecnologiche. E’ realizzato in sandwich di Airex con la tecnica dell’infusione. Le strutture, pure in Airex, sono applicate allo scafo utilizzando un ulteriore sacco a vuoto con successiva infusione. Le paratie e le lande sono in composito. Con l’applicazione di tessuti di carbonio nei punti sottoposti a maggiori sollecitazioni. Si tratta di soluzioni, assieme ad altre adottate, conformi alle specifiche indicate dallo studio Tripp Design, che sono di assoluta avanguardia per un cruise-racer come il Solaris One 60. E assicurano il miglior rapporto tra il peso e la rigidità.

IL DESIGN

Venendo al design, ciò che balza subito allo sguardo anche dei profani è la estrema pulizia e il fascino della coperta. Bill Tripp è riuscito a celare le manovre posizionate in coperta (cime, bozzelli, verricelli). Nel contempo, l’One 60 potrà essere condotto anche con l’uso di due soli verricelli. Le manovre, le drizze, le scotte, sono infatti state concentrate in poco spazio. E ciò consentirà di condurre questa barca anche con un equipaggio ridotto. Dunque anche in modalità di crociera di tutto relax. E comunque sempre nella massima sicurezza e affidabilità. Infatti, nonostante le dimensioni la barca dispone di un fiocco autovirante. L’eliminazione dei verricelli solitamente posizionati ai lati del boccaporto di accesso all’interno, consente inoltre di utilizzare il pozzetto con il massimo spazio anche per gli ospiti. Anche la scelta di applicare gli oblò in coperta a raso, permette di percorrere l’intero perimetro della superficie dell’imbarcazione senza incontrare ostacoli o pericoli. Che si acuiscono in condizioni di mare formato. Non manca la tradizionale soluzione Se.Ri.Gi. per il tender: lo specchio di poppa è apribile per l’accesso a un ampio garage.

GLI INTERNI

Per gli interni, sono previste diverse soluzioni. Per poter rispondere alle varie esigenze degli armatori. La versione in mostra a Vela & vela prevede tre cabine con bagno separato nella zona albero-prua. Dunque maggiore privacy per l’armatore e per gli ospiti e massima abitabilità con le cabine a tutta altezza. La cabina per l’equipaggio è posizionata a poppa, sul lato opposto a quello della cucina. Tali ambienti sono separati dalla sala macchine che dispone di un ampio accesso laterale. Nonostante gli ampi spazi e il confort interno, a prua dell’One 60 c’è una capiente cala vele, per stipare la dotazione di bordo.

L’Ufficio Stampa Logosmmv

LOGOS MMV Agenzia per Uffici Stampa, Comunicazione,Promozione, Produzione di Audiovisivi e di Filmati di Ida Donati  Associati AIPS e USSI 33039 SEDEGLIANO (Udine) Tel. : + 39 333 5637120 + 393934711001 Sito: localhost Fax: 0039 0432 915257

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *