• Sab. Apr 20th, 2024

RIVIERA FRIULANA: UN PUNTUALE SERVIZIO SULL’IDEA RIVIERASCA E ALCUNE DELLE SUE IDENTITA’ SU CANALE ITALIA

MIMMO VITA HA DEDICATO UN APPROFONDIMENTO SUL QUARTO NETWORK PRIVATO D’ITALIA
Vitamorandinibortolussodalforno2012CITUn accurato servizio sulle peculiarità enogastronomiche della Riviera Friulana, con particolare riferimento a Marano Lagunare e Carlino, è andato in onda la scorsa settimana sui diversi canali televisivi dell’emittente Canale Italia, il quarto network privato nazionale che trasmette in Italia e in Europa. Il servizio, curato da Mimmo Vita, faceva parte dell’ultima puntata del 2012 della trasmissione settimanale Bianco Rosso e Verde, condotta da Vita, incentrata questa volta sul Natale e sulla tradizione enogastronomica delle festività. Lungo un percorso sviluppato da Bruxelles, a Tunisi, alla Calabria, al Veneto, alla Lombardia, Vita ha incontrato la Riviera Friulana, spiegata dal Presidente dell’omonima Associazione Culturale no profit, Carlo Morandini come il territorio compreso tra i fiumi Tagliamento e Isonzo, la linea delle risorgive e il litorale friulano, e vista attraverso le peculiarità, le ricchezze, le attrattive di questo territorio e i protagonisti dei diversi settori. Nell’occasione si è parlato di enogastronomia. Sergio Bortolusso, Presidente della DOC Friuli Annia, contitolare dell’omonima azienda agricola, una delle tre zone a Denominazione di Origine Controllata che sono comprese nell’area considerata (le altre sono Friuli Latisana e Friuli Aquileia), ha parlato dei vini tipici del territorio, in particolare delle Malvasie, del Refosco e del Friulano, già Tocai. E nell’occasione Morandini ha ricordato la battaglia lanciata dall’Associazione Regionale della Stampa Agricola, Agroalimentare, dell’Ambiente e Territorio (ARGA FVG) in difesa della denominazione del vitigno autoctono Tocai Friulano, persa ciononostante a vantaggio dell’Ungheria, e proseguita poi per la scelta della nuova denominazione. Sia i vini bianchi (Malvasia con sentori di salvia, alloro, canfora); che rossi citati (Refosco con tannini decisi ma morbidi) per Bortolusso bene si sposano con i piatti di pesce pescato, e con il ‘bisato i speo’, l’anguilla allo spiedo, piatto tipico della laguna e di Marano Lagunare. Piatto che è stato spiegato dallo chef maranese, Giorgio Dal Forno, del ristorante Ai tre canai. Un piatto che si cuoce allo spiedo (di legno di essenze rivierasche) per due o tre ore di cottura a seconda delle dimensioni. E si prepara con soltanto sale grosso e foglie di alloro. Il bisato di Dal Forno è stato guarnito con alghe fritte e pane alle alghe. Vita ha anche intervistato Morandini sull’essenza dell’idea rivierasca, presentando il libro La Riviera Friulana, la fonte del movimento. Tra turismo, storia, cultura, che sono i paradigmi dell’Associazione la quale ha aggregato e sta aggregando Comuni, ristoranti, cantine, artigiani dei sapori, sodalizi dell’area. Vita ha voluto concludere la puntata brindando proprio con il Tocai Friulano, ora semplicemente Friulano.

larivierafriulana®
Associazione Culturale no profit
La Riviera Friulana
33054 LIGNANO SABBIADORO
www.larivierafriulana.it
Facebook: Riviera friulana ;