• Gio. Mag 23rd, 2024

GETUR: ACCOGLIENZA A CINQUE DEI 27 IMMIGRATI TUNISINI ASSEGNATI

IL RESTO DEL GRUPPO DI 27 IMMIGRATI DALLA TUNISIA GIUNTO A LIGNANO SABATO MATTINA E’ GIA’ PARTITO PER LA FRANCIA

Hanno trascorso serenamente il primo fine settimana a Lignano Sabbiadoro i cinque profughi tunisini provenienti da Lampedusa, che dall’alba di sabato sono ospitati al villaggio GETUR. Dove si sono riposati e sono stati rifocillati. Ed erano giunti con un pullman messo a disposizione dal Governo, facendo parte di un gruppo di 27 connazionali. La gran parte dei quali ha però già lasciato la città balneare per raggiungere la Francia. I cinque profughi rimasti alla GETUR hanno visitato la città balneare, e hanno fruito delle strutture del villaggio. Assolutamente senza interferire con la vita del villaggio. Che già in questi giorni, nella settimana che precede la Pasqua, è affollato di turisti. I quali non si sono neppure accorti della presenza dei nuovi ospiti. Mentre sono davvero numerosi gli sportivi di varie discipline che si stanno allenando all’interno della GETUR. Anche in vista dei numerosi eventi sportivi in programma nel prossimo mese di maggio, nelle strutture del Villaggio. “Ci hanno chiesto – comunica il direttore generale di GETUR, Enrico Cottignoli – di offrirgli un lavoro. Nel qual caso si tratterranno volentieri da noi. Dove, a loro dire, si sono trovati molto bene e sono stati accolti con l’attenzione e l’accoglienza che riserviamo a tutti i nostri ospiti”. Che sono, tra l’altro, lo ricordiamo, oltre ai semplici turisti, anche persone malate o bisognose di assistenza. Come i pazienti che si sottopongono a dialisi in una delle nostre strutture interne. “Il nostro – commenta Cottignoli – è un Villaggio che è nato e si è sviluppato con scopi prevalentemente assistenziali, e non poteva non rispondere positivamente alla richiesta del Governo di accogliere una piccola parte dei profughi. Peraltro nella consapevolezza che la gran parte di essi si sarebbe soffermata da noi semplicemente per una notte, o addirittura poche ore, com’è stato. Per poter raggiungere un ufficio postale italiano, ritirare somme di danaro messe a disposizione dai parenti che si trovano in Francia, e cercare di raggiungere quel Paese nel più breve tempo possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *