• Mer. Feb 28th, 2024

RALLY RONDE ALTO FRIULI “Luca Birarda” 6 / 7 marzo a Gemona del Friuli (UD) DE CECCO PUNTA ALLA SECONDA VITTORIA AL RALLY ORGANIZZATO DALL’ACNFP

Ma dovrà vedersela con il trevigiano Christian Maset, sulla Peugeot WRC  IMPONENTE SERVIZIO DI SICUREZZA

Sarà Claudio De Cecco l’uomo da battere al 1.Rally Ronde Alto Friuli, che si corre domani a Gemona del Friuli (UD) e nelle Valli del Tarcentino. In gara con il fido coequipier udinese, l’avvocato Jean Campeis, il friulano con la Peugeot 207 Super 2000 non nasconde le ambizioni di vittoria. Anche se favorita in assoluto sarà la Peugeot 206 WRC del trevigiano Christian Maset, che partirà alle 8,02 da Piazza Garibaldi, nel centro storico di Gemona, con il numero 2. De Cecco, lo scorso anno spettatore al Carnia Alpe Ronde, in novembre, organizzato come la competizionegemonese dall’Autoclub Nazionale delle Forze di Polizia (ACNFP), in quanto doveva correre in contemporanea alla finalissima della Coppa Italia, in Sardegna, che poi avrebbe vinto, si è imposto nella sua carriera venticinquennale in ben sessantadue rallies. Scherzando sulle recenti norme sulla pensione dei lavoratori, De Cecco sostiene che il suo obiettivo per il 2010 è quello di arrivare al traguardo del ‘pensionamento’. Ovvero alla vittoria della sessantacinquesima gara. E il Rally Ronde Alto Friuli potrebbe essere il suo sessantatreesimo risultato assoluto, avvicinandolo a questa meta ideale. “La prova speciale di Stella – commenta De Cecco – è molto bella e selettiva; anche se ne serbo per ora soltanto il ricordo, visto che l’ultima volta l’ho percorsa nel 2000, quanto ho vinto il Rally delle Polizie europee che si è corso sempre a Gemona”. Frattanto, si è messa in moto la macchina organizzativa del Rally Ronde Alto Friuli. Che ha previsto un imponente staff per la sicurezza. Saranno infatti ben novanta i commissari di percorso in servizio sul tracciato; sei le autoambulanze tutte con un medico abilitato alla rianimazione a bordo. Sei i carri attrezzi; 20 i cronometristi; tre gli apripista. Uno sarà Paolo Lizzi, che ha vinto il Rally di Monza come navigatore con Capello. L’altro Matteo Bearzi, di Tolmezzo. “Gli enti locali della zona si sono messi completamente a disposizione per la riuscita della manifestazione”, spiega il Presidente dell’ACNFP, Angelo Rossi. “Infatti i Comuni – aggiunge – di Gemona del Friuli, Tarcento, Montenars e Tricesimo hanno messo a disposizione ben sessanta volontari della protezione civile”. “Altri quindici -. prosegue Rossi – sono i volontari della Proloco e di Rally Sport Gemona”. Ma un’incognita grava sulla gara. Le previsioni meteo sono ancora incerte, ma danno possibilità di nevicate sul tratto in quota della speciale di Stella, da Zomeais a Montenars. “I Comuni di Tarcento e di Montenars – precisa Rossi – sono pronti ad attivare i mezzi necessari a liberare per tempo la strada”. Ma oltre ai Comuni, domenica non si potrebbe correre, conclude Rossi, senza l’aiuto della M&R Motorsport Ranting, di Motor Analyzer, dell’Associazione BIRI (Luca Birarda), e dell’azienda agricola Lorenzonetto, di Latisana (UD).

L’Ufficio stampa

Carlo Morandini

Info: www.rondealtofriuli.eu Cell.: +39 335 370816 Info: www.alpeadriarallycup.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *