• Mar. Lug 23rd, 2024

I CICLISTI DI AUTOVIE VENETE A CONFRONTO CON LE GRANDI VETTE DELLO SPORT DEL PEDALE

STAVOLTA, DOPO I PASSI DEL TOUR DE FRANCE, HANNO AFFRONTATO LE ALPI RETICHE E LA VALTELLINA, CON, TRA L’ALTRO, MORTIROLO,  STELVIO, GAVIA E BERNINA
Non si è fermata d’estate la passione per le strade più impervie, e note al mondo dello sport, del Circolo Ciclistico FIS della Concessionaria autostradale Autovie Venete. Per combattere la calura, i ciclisti presieduti da Luca Morandini, che bene avevano figurato nel Campionato Italiano Concessionarie Autostradali svoltosi a Grottammare (AP), conquistando 4 medaglie d’oro, si sono recati a Bormio (SO), sulle straade e i passi delle Alpi Retiche e della Valtellina. Lì hanno infatti affrontato i mitici Passi del Mortirolo, dello Stelvio, Gavia, Bernina, Eira, Foscagno, e della Forcola di Livigno. Si è trattato di una performance davvero impegnativa. Anche perché ha riportato i ciclisti del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, in quota, anche a un clima preautunnale. Ma sono stati ripagati dall’assistenza curata da Gabriella, Susanna e Vito, e dalle immagini di panorami e strade che hanno contornato nel tempo la storia del ciclismo mondiale. Hanno partecipato al raduno: Furio Cavallini, di Trieste, Michele Grotto, di Reana del Roiale, Irene Gigante, di Lignano Sabbiadoro, Luca Morandini, di Udine, Stefano Pace, di Cividale del Friuli, Michela Puppo, di Moruzzo, Aldo Urban, di Tolmezzo, Flavio Drigani, di Zugliano, Giovanni Mattiello, Gianni Rossi, Mattia Dittadi e Fedele Calisi, di Mestre, Fabiano Tuniz, di Torviscosa, Serena Mantoani, di Bertiolo. Tutti, si sono dichiarati pronti ad altre sfide. L’iniziativa ha dato modo ai ciclisti di Autovie di aggiungere così altre vette blasonate al loro ‘palmares’, che già vantava il raggiungimento dei conosciuti, dagli sportivi e dagli atleti: il Col d’Isoard, il Col du Galibert, il Col du Lautaret, l’Alpe d’Huez (in Francia), il Grossglokner (in Austria), i Passi Pordoi, Gardena, Campolongo, Sella, Giau, Duran, Staulanza, Falzarego, Valparola, Fedaia, San Pellegrino, nonché il Monte Grappa e il Monte Crostis, con la Panoramica delle Vette.
larivierafriulana® NEWSLETTER
Reg, Tribunale di Udine n.19 del 2011.
Associazione Culturale no profit
La Riviera FriulanaCasella Postale, 30
33054 LIGNANO SABBIADORO
Tel. 0039 335 370816
Mail:  HYPERLINK “mailto:info@larivierafriulana.it” info@larivierafriulana.it
Facebook: Riviera friulana ;    Comunità di offerta riviera friulana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *