• Gio. Mag 23rd, 2024

L’AGAPE DEL BISATO IN SPEO A MARANO LAGUNARE SUGGESTIONA I NOBILI DEL DUCATO DEI VINI FRIULANI

L’AGAPE DEL BISATO IN SPEO A MARANO LAGUNARE SUGGESTIONA I NOBILI DEL DUCATO DEI VINI FRIULANI

Ha riscosso particolare consenso la prima Agape del Ducato dei vini friulani dedicata al Bisato in Speo, a Marano Lagunare (UD). Sposata ai vini della Riviera Friulana. L’evento, come ha rivelato il sindaco della città della pesca, Mario Cepile, rappresentava l’avvio delle manifestazioni correlate al 3.Premio Giornalistico Valerio Ghin, Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia, che si sarebbe svolto l’indomani nella Pescaria Vecia di Marano. Questa volta, il Duca dei vini, Piero I, al secolo il giornalista Piero Villotta, ha infatti voluto valorizzare le peculiarità dell’immediato retroterra dell’Alto Adriatico. Infatti, lo chef del ristorante Ai tre canai che ha realizzato la serata ancor più, di recente, ha affinato la sua ricerca di sapori e profumi del suggestivo scenario lagunare, ideando abbinamenti con erbe e alghe che si sviluppano sulle barene e lungo gli argini. DA ciò è rimasto colpito anche Edoardo Raspelli, da 13 anni conduttore da della trasmissione televisiva di rete 4 Mela Verde e dal 1984 curatore della rubrica settimanale Il Bello & il Buono, sul quotidiano nazionale La Stampa di Torino. Ospite della serata. Raspelli ha colto l’occasione per sposare il percorso prescelto dal Presidente dell’ARGA FVG Carlo Morandini, volto a rilanciare il territorio della Bassa Friulana innanzitutto affiancandogli il nome Riviera Friulana. Poi creando situazioni, occasioni, evento, momenti di comunicazione destinati a rilanciare quest’area. Che soprattutto negli ultimi anni ha acquisito una veste ancor più accattivante e solare. Ciò anche grazie ai numerosi ristoratori e viticoltori che nel tempo hanno saputo evolvere le attività avviate dai genitori. Creando una realtà, un tessuto imprenditoriale che è ora davvero in grado di offrirsi quale complemento al turismo balneare delle nostre località marine. Non solo, ma nel tempo ha scoperto la vocazione per proporsi con elementi di unicità soprattutto al turismo tematico. Raspelli è poi rimasto colpito dalla fragranza del bisato in speo, l’anguilla allo spiedo. Che lo chef Dal Forno ha valorizzato in questi anni fino alla costituzione della confraternita La Compagnia del bisato. Il Duca Villotta ha rivolto apprezzamento per la qualità della serata, e per i vini, che sono stati proposti dalle cantine in rappresentanza delle tre DOC rivierasche: Friuli La tisana (Isola Augusta di Massimo Bassani), Friuli Annia (Cantina Bortolusso di Clara e Sergio Bortolusso), Friuli Aquileia (Tenuta Beltrame di Christian Beltrame). Per annunciare infine che la prossima settimana il Ducato organizzerà la seconda Agape rivierasca, in occasione della prima Fiera del tartufo di Muzzana del Turgano (UD), a pochi chilometri da Marano. Ma il tartufo era presente anche nel menù dello chef Dal Forno a Marano, nella minestra di brodo di gallina friulana con filetti di lucerna di mare, piselli, pomodorini e tartufo nero. Le altre portate andavano dal bicchiere di polenta e carusoli al profumo di elicriso, olive di canoce (cicale di mare) e alghe fritte; al sandwitch di pane con filetti di triglie e carciofi ripassati e fette di petto d’oca; alla crema di carciofi con canoce in busara bianca e julienne di carciofi fritti; per chiudere con il bisato in speo, e il dessert. I vini: Ribolla Gialla, Pinot Grigio, Sauvignon, Melmose, Pinot nero, Verduzzo. A conclusione del convivio il gemellaggio tra il Ducato e la Compagnia del bisato, con scambio di insegne e la consegna di spei, gli spiedi in legno fatti a mano, a Villotta, al reggente della Contea di Roma del Ducato, Fabrizio Tomada, e a Edoardo Raspelli.

A.R.G.A. FVG

via Dante, 80/2
33037 Pasian di Prato (Ud) Italy Tel.: 0039 335 370816
Sito: www.argafvg.it
Email: argafvg@email.it
Skype: charliesette

A.R.G.A. FVG

Associazione Regionale Giornalisti Agricoli, Agroalimentari, Enogastronomici, dell’Ambiente e Territorio del Friuli Venezia Giulia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *