• Sab. Apr 1st, 2023

CUCINA DEL MONDO: A GRADISCA D’ISONZO (GO) DAL 27 APRILE ALL’1 MAGGIO ‘ETHNIC FESTIVAL’

OCCASIONE PER COMPIERE UN VIAGGIO SENSORIALE TRA I SAPORI, LE USANZE, I SUONI DELLE CULTURE DEL GLOBO

Un viaggio sensoriale tra cibo, musica, ed elementi culturali che contraddistinguono le genti, nel mondo. Questo l’obiettivo che si pone l’ ‘Ethnic Festival – stili, saperi, sapori, suoni’, in programma a Gradisca d’Isonzo (GO) dal 27 aprile all’1 maggio. Si tratta di una serie di eventi che animeranno la città isontina e che quest’anno sarà nuovamente concomitante il 20.Torneo internazionale di calcio Città di Gradisca, 9.Torneo delle Nazioni, Trofeo Nereo Rocco. E che mira a offrire al grande pubblico un’occasione per avvicinare una parte significativa del caleidoscopio di etnie e identità sparso nel globo. Sarà infatti l’occasione per conoscere le usanze dei popoli dell’America Latina, dell’Africa, del Giappone, della Mitteleuropa e in particolare dell’Austria, dell’Est europeo con la Moldavia, del Nord Europa con la Finlandia. E assaggiare la proposta delle cucine argentina, giapponese con in particolare il sushi, mediorientale con il kebab e il couscous, quella indiana e altre ancora. L’Ethnic Festival è stato ideato nel 2000 dal gradiscano Lucio Vittor, per creare un evento che riportasse Gradisca d’Isonzo al centro dell’attenzione offrendo ai gradiscani un’occasione di intrattenimento e di arricchimento culturale. Proprio quando il Torneo di calcio, nella sua naturale evoluzione, aveva iniziato a spalmarsi sui campi di gioco di parte del Friuli Venezia Giulia, cessando così di essere uno dei motivi di attrazione su Gradisca, per i suoi cittadini e per i turisti. Sarà preceduto il 24 aprile dalla Notte del ‘Mundialito’, la notte bianca, con la presentazione del torneo. Dedicato a ‘Paron’ Rocco, triestino, che fu un grande allenatore del Milan. Dal 27 all’1 l’Ethnic Festival, con la notte bianca, il 29 aprile, e degustazioni, convegni con personaggi, incontri a tema, esibizioni di gruppi e singoli,  di danze etniche, e complessi musicali tradizionali. Dopo il tramonto il centro della località isontina diverrà un’area festival, con palchi all’aperto sui quali artisti internazionali e nazionali si esibiranno in una grande varietà di generi musicali. Accanto alla lettura di racconti, poesie, elementi esemplari delle culture del globo. A cura del Polo Tecnico Professionale ‘Bonaldo Stringher’ di Udine, sarà la sezione ‘Le cucine del mondo’, un laboratorio della cucina multietnica, punto di ristoro aperto al pubblico.

                                                                                Carlo Morandini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.